ISEE

I trattamenti assistenziali per la determinazione del REI.

Con la nota n. 9362 del 16/11/2017 il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali richiama l’attenzione dei Comuni sull’art. 4 comma 2 del Decreto Legislativo n. 147/2017 istitutivo del Reddito di Inclusione:

In caso di fruizione di altri trattamenti assistenziali da parte di componenti il nucleo familiare, il valore mensile del ReI di cui al comma 1 è ridotto del valore mensile dei medesimi trattamenti, esclusi quelli non sottoposti alla prova dei mezzi. A tal fine, nel caso di erogazioni che hanno periodicità diversa da quella mensile, l’ammontare dei trattamenti considerato è calcolato posteriormente all’erogazione in proporzione al numero di mesi a cui si riferisce. In caso di erogazioni in una unica soluzione, incluse le mensilità aggiuntive erogate ai titolari di trattamenti con periodicità mensile, tali trattamenti sono considerati in ciascuno dei dodici mesi successivi all’erogazione per un dodicesimo del loro valore.

Per dare attuazione alla norma, è necessario che INPS disponga di tutte le informazioni relative ai trattamenti assistenziali erogati a livello locale. Nelle more della definizione del nuovo Sistema Informativo dei Servizi Sociali, l’invio dei dati da parte dei Comuni deve avvenire per il tramite del casellario dell’assistenza: ciò al fine di permettere il calcolo corretto del beneficio economico REI e evitare erogazioni di prestazioni indebite dalle quali potrebbero derivare possibili ragioni di danno erariale.

Approfondimenti, due righe qui.