Il premio innovazione di SMAU.

Pubblicato il Pubblicato in ISEE

“Facilitare e rendere più equo e trasparente l’accesso ai servizi sociali e socio-sanitari di quella parte di popolazione svantaggiata e a rischio di povertà!”

E’ con questa premessa che l’importante lavoro avviato con l’Unione dei Comuni della Marca Occidentale è stato premiato come caso di successo al recente SMAU di Padova.

La soluzione sviluppata qui in Clesius consentirà di agevolare il percorso di presa in carico dei nuclei familiari più fragili ( case management ) integrandolo all’interno del sistema di offerta locale ( tirocini di inclusione, contributi economici ad integrazione del reddito familiare, riduzioni o esenzioni tariffarie… ).

Dettagli? Due righe qui!

Aggiornamenti procedurali sul ReI.

Pubblicato il Pubblicato in REI

Qui di seguito, per punti, gli aggiornamenti dell’Istituto sulle procedure connesse al Reddito di Inclusione.

– Blocco della procedura di registrazione REICOM nel caricamento di REI com – successivo.
Ci è stato segnalato che il portale non permette di utilizzare la funzione SALVA E COMPLETA.
Si fa presente che il valore “ultimo per la sezione” indica che si tratta dell’invio dell’ultimo modulo della sezione Rei com della domanda- ReiCom “Contestuale- come indicato nel manuale utente p.19.
Per il Rei Com “successivo” (modello Rei-com) non è richiesto tale valore e va utilizzata la funzione “ SALVA E INVIA MODULO”.

In ogni caso per poter fornire assistenza informatica si ricorda che è necessario accompagnare l’esposizione sintetica della problematica con i seguenti dati:
– ID domanda REI
– dati anagrafici del richiedente (nome cognome data di nascita CF)
– modalità di acquisizione utilizzata (portale intranet, coop.applicativa)
– videate delle anomalie riscontrate (anche eventuali pagine bianche) o messaggi di errore.

– Domande ReI in stato “sospesa” per tardiva o mancata presentazione della DSU per il 2018
Come già indicato nella comunicazione del 2.8.2018, “Reddito di inclusione. Rinnovi di luglio. Precisazioni in merito alla gestione delle DSU”, alla quale si rimanda, si precisa che attualmente l’’apposita funzione che permetterà la verifica ed il ripristino delle domande sospese per DSU tardiva è in fase di rilascio.

– Domande ReI con richiesta assegno nuclei familiari con tre o piu’ figli minori
Si ribadisce che la compilazione del quadro E della domanda REI equivale alla presentazione della domanda al Comune. In tal caso, come previsto dalla circolare Inps 172/2017, il Comune deve poi istruire la richiesta utilizzando le medesime procedure attualmente in uso per la domanda di assegno per nuclei familiari con tre o più figli minori.

– Domande di dicembre 2017, in evidenza alle sedi per verifica requisiti familiari “componente ultra 55 enne in stato disoccupazione”.
Si informa che le domande in oggetto sono all’attenzione della competente Direzione Centrale Ammortizzatori Sociali e l’evidenza non è attualmente gestibile/definibile dalle Sedi Inps territoriali.

– Domande con segnalazioni DSU non veritiere in relazione alla composizione del nucleo familiare ISEE.
Si fa presente che dalla pubblicazione del messaggio INPS n. 2937 del 20/07/18 devono intendersi superate le indicazioni contenute nella slide n. 9 della presentazione “ReI – Reddito di Inclusione Il beneficio economico. Ambiti di competenza e aspetti operativi INPS – Comuni – Poste Verona, 28/03/2018 “.
Il citato messaggio INPS n. 2937/18 prevede che in caso di DSU non veritiera in relazione alla composizione del nucleo familiare Isee, a seguito dei controlli di competenza del Comune, lo stesso deve provvedere alla revoca del beneficio tramite le apposite Utility disponibili in procedura.

– Comunicazioni di avere effettuato una revoca e relativa motivazione.
Si chiarisce che non vanno inviate comunicazioni di revoca alla casella istituzionale Sostegnoreddito.Veneto@inps.it in quanto il Comune deve utilizzare esclusivamente le apposite funzionalità della prcedura.

Dettagli? Due righe qui!

Qualche aggiornamento sul sito!

Pubblicato il Pubblicato in ISEE

L’attività di posting sul blog aziendale ha subito un forte rallentamento per i numerosissimi progetti che ci hanno coinvolto nell’ultimo periodo! Abbiamo però messo ordine nella newsletter: qui potete trovare tutti gli articoli aggiornati con le ultime novità su Reddito di Inclusione, gestione INPS e sviluppi sul PON Inclusione.

0
Assessori, Dirigenti e funzionari iscritti!

Un modello di welfare: l’assegno unico.

Pubblicato il Pubblicato in Clesius, ICEF

Già presentando il regolamento nello scorso giugno si era affermato che parole chiave del nuovo strumento sono universalità, equità ed efficienza.

Universalità perchè l’assegno unico provinciale interpreta l’ambizione di una misura che sostiene l’individuo come persona e come appartenente ad un nucleo familiare senza un approccio categoriale.

Equità perchè riscrive la positiva esperienza fino ad oggi maturata dalla Provincia nelle politiche sociali di carattere economico, accentuandone ancor più la connessione con un rigoroso accertamento del bisogno economico che continua ad avvenire attraverso lo strumento dell’ICEF, con soglie e criteri di determinazione che tengono conto delle caratteristiche degli specifici bisogni che l’assegno unico va a sostenere.

Efficacia perchè ogni quota costituente l’assegno unico mira a garantire sostanziale cittadinanza sia per le categorie ecomicamente più deboli (sostegno al reddito), sia ai nuclei familiari appartenenti anche al ceto medio per il riconoscimento dell’impegno che le famiglie mettono nella cura e nel percorso di crescita culturale e scolastica dei figli.

L’assegno unico ha anche il fine di costituire la struttura portante di un sistema che consentirà di tracciare univocamente i trattamenti di natura economica a favore dei singoli e delle famiglie in un quadro di semplicità procedurale attraverso una domanda unica veicolata attraverso il sistema informativo nato e cresciuto qui in Clesius.

Interessati ad approfondimenti? Due righe qui!

Un convegno sul REI.

Pubblicato il Pubblicato in REI

Mercoledì 31 Gennaio 2018 – presso l’Auditorium Ramin ( via G. Rigotti ) di Cadoneghe (PD)ANCI Veneto organizza un momento di riflessione e approfondimento sul tema del Reddito di Inclusione.

In qualità di relatore, mi sono riproposto di:

  • analizzare il testo del decreto, alla luce – anche – delle recenti circolari inviate da INPS e Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
  • simulare gli impatti del ReI sulle politiche di contrasto alla povertà gestite dai Comuni ( es. contributi economici / integrazione al minimo )
  • chiarire qualche aspetto sul casellario dell’assistenza ( che sarà ricompreso nel nuovo sistema informativo dei servizi sociali )
  • condividere la bozza di strumentazione per il servizio sociale professionale ( pre-assesment e assesment ) finalizzata alla valutazione dei bisogni

Tutte le informazioni su tempi e modalità di iscrizione si trovano qui.

Per i dubbi, due righe qui.